SPETTACOLI

Dal 1992, la Compagnia della Ruota di Saronno mette in scena spettacoli di prosa, commedie e fiabe.

NON DIMENTICARE ORATORIO DI AUSCHWITZ
Alina Novak Aprile consegna questo lavoro alla Compagnia nel 1991. Il debutto avviene a Montecatini Terme nell’ottobre 1992. D allora le nostre repliche sono state più di 100.
Clicca sulla foto per leggere la descrizione dello spettacolo.

NON DIMENTICARE ORATORIO DI AUSCHWITZ

IN ALTO MARE
Atto unico dello scrittore polacco Mrozek. Tre naufraghi, due uomini e una donna: uno autoritario, uno opportunista e una donna sprovveduta, precipitati su una spiaggia deserta e scampati a un naufragio.
Clicca sulla foto per leggere la descrizione dello spettacolo.

In alto mare

CERTE DONNE FRAGILI
Il lavoro chiede “in prestito” a Medea il volto, le gambe, le viscere, il cuore e propone il tema dell’infanticidio, antico fardello spesso nascosto nella mente e che la cronaca ripropone costantemente.
Clicca sulla foto per leggere la descrizione dello spettacolo.

Certe donne fragili, compagnia della ruota saronno

CIBO
di Carla Vistarini.
Natascia ha proprio un grosso problema: abbandonata dal marito, disperata e sola, cerca ospitalità in casa di Nicola, sua vecchia compagna di scuola.
Clicca sulla foto per leggere la descrizione dello spettacolo.

Cibo

L’ALBERO DELLE PIUME
Una civetta e una gazza, circondate da una comunità di uccelli, parlano la lingua degli uomini: pur svolgendosi su un piano assolutamente fantastico, i protagonisti trasferiscono in esso i movimenti e le caratteristiche della vita comune.
Clicca sulla foto per leggere la descrizione dello spettacolo.

l'albero delle piume

ORCALOCA E LE STREGHE
In un bosco incantato, la natura ha lasciato il posto alla sporcizia e al degrado.
Tre streghe malvagie, Catorcia, Sofogna e Scamorza comandate dal re Mefitico, passano il loro tempo a pensare a come ridurre il mondo un’immensa discarica. In una roulotte, circondata da rifiuti di ogni genere, vivono anche Orcaloca e Orcoluc che non sembrano particolarmente contenti dell’operato distruttivo delle streghe. Ma…

Orcaloca e le streghe

GUGLIELMO E LA MONETA D’ORO
Un bambino, un cane fedele, il ritrovamento casuale di una moneta d’oro: sono questi gli elementi che dominano la fiaba. Attorno all’improvvisa ricchezza di Guglielmo, molti sono i personaggi che, fingendosi amici, cercano di derubarlo. Solo Ettore, figura simbolica dell’onestà, gli è veramente amico.

Guglielmo e la moneta d'oro, teatro ragazzi