IN TOUR A CHALLANS

DIARIO DEL TOUR A CHALLANS CON “IN ALTRO MARE”

Il pullman della Croce Rossa Italiana attendeva la Compagnia della Ruota nel piazzale del Comune di Saronno.

Previdenti, i passeggeri scendevano dalle loro auto con guanciali e plaid per la notte e qualche panino e tramezzino per far fronte ai languorini notturni. L’eccitazione della partenza si trasformava presto in canti popolari e giochi di società, come prevedeva una vera e propria gita scolastica. Ma di gita non si trattava. La Compagnia della Ruota quasi al completo si apprestava ad affrontare la prima rappresentazione della sua storia fuori dall’Italia, e lo stava facendo andando a presentare lo spettacolo che da anni ancora riesce a mantenere la stessa carica emotiva dei primi attimi di improvvisazione.

Il viaggio è durato non meno di 18 ore – 16 erano quelle previste, ma gli stoici autisti si sono persi non ostante guidati dal navigatore satellitare europeo – e altrettante sono state le ore trascorse una volta arrivati a Challans prima della conclusione della giornata. L’accoglienza degli indigeni non ha lasciato indifferente un solo partecipante alla spedizione, e tra dolori alle ginocchia e alla schiena, con la pancia piena, tutti felici sono andati a dormire agoniando un materasso posizionato orizzontalmente. Ma non è il tempo per dormire: è il 31 marzo, e stasera si va in scena. E’ una sfida, la Compagnia reciterà in italiano davanti a un pubblico francese, un pubblico per altro che non conosce il testo perché mai tradotto in lingua francese. E tra un mercatino di pesce crudo e l’arrivo del resto della Compagnia sopraggiunta in aereo, arriva il momento che ogni attore sogna: la preparazione. Tecnici e regia avevano già provveduto alla scena in maniera scrupolosa, concedendosi un largo avanzo di tempo per metabolizzare e contestualizzazione la nuova scena all’interno della quale gli attori avrebbero creato la magia del teatro anche quella notte.

Tutto quello che è successo quella notte ha permesso a spettatori e attori di credere ancora alle magie, anche se, come i bambini insegnano, le parole delle fate non vengono colte mai completamente, ma fate e streghe sanno raccontare le magie molto bene anche se non sempre vengono narrate nella lingua che ognuno di noi usa quotidianamente. Questo è il teatro. Questa è la nostra magia.
In alto mare Challans

In alto Mare Challans

In alto mare Challans