COMPAGNIA

LA STORIA
Pochi amici, attori in un recente passato, si ritrovano dinnanzi ad un testo teatrale inconsueto, drammatico e crudo ma aperto alla speranza. Inizia così, nel 1991, l’avventura della Compagnia della Ruota e del suo primo impegno, “NON DIMENTICARE. ORATORIO DI AUSCHWITZ” di Alina Novak Aprile, che tuttora prosegue, dopo oltre 100 repliche.
Fin da questa prima scelta drammaturgica è ben chiaro che la Compagnia della Ruota si caratterizzerà per la scelta di testi di spessore non sempre semplici, senza tuttavia trascurare l’aspetto ludico del teatro per ragazzi.

I FONDATORI

MASSIMO BENEGGI
Si avvicina al teatro per ragazzi negli anni ’70. Poliedrico, brillante, con grandi doti espressive porta in scena testi della letteratura infantile (Il vestito dell’imperatore di Andersen  – Il principe felice di Wilde – Guglielmo e la moneta d’oro di Milani), non trascurando testi di grande spessore (Juan Palmieri Tupamaro di Larreta – Itaca Itaca di Di Chiara. Nel ‘91 dopo l’incontro folgorante con Alina Novak Aprile fonda la Compagnia della Ruota e porta in scena Oratorio di Auschwitz. Il suo spiccato interesse verso il sociale e la sua duttilità di attore, lo vedono indiscusso protagonista di testi geniali, quali In alto mare di Mrozek  e Cibo di Vistarini. E’ presidente della Compagnia sin dalla sua costituzione.

VANNI SALTARELLI
La sua formazione avviene essenzialmente nell’ambito culturale di Milano. Si diploma alla Scuola d’Arte Superiore del Castello. Ha tenuto la cattedra di Pittura all’Accademia Belle Arti Aldo Galli di Como. Insegna disegno, pittura ed affresco. Sue opere presenti in Italia e all’estero in musei, gallerie,collezioni pubbliche e private. Attivo come scenografo al Teatro Stabile di Como è attualmente regista e scenografo della Compagnia della Ruota.

DONATELLA CATTANEO
La sua passione per il teatro nasce sui banchi di scuola che la vedono protagonista agli appuntamenti annuali della “Festa degli alberi” dove emerge il suo potenziale talento. Le poesie e gli appuntamenti culturali della città rimangono i suoi punti di forza, fin tanto che approda al Gruppopalcoscenico dove è protagonista di molti lavori quali L’Adorabile Giulia di Sauvajon, Casa di bambola di Ibsen, Dio di Allen e Le serve di Genet. Attiva e brillante protagonista  della Compagnia della Ruota fin dalla fondazione, collabora con un’associazione di volontariato per la quale legge e registra testi letterari destinati ai non vedenti.

ANDREA SGARZI
Artista a tutto tondo. Uomo poliedrico negli interessi, si è dedicato con eguale impegno e successo all’arte figurativa e al teatro. Attore abile e sensibile, regista rigoroso quanto creativo, ha efficacemente lavorato nel Gruppopalcoscenico e  nel “Il Castellaccio”, prima di approdare alla Compagnia della Ruota, di cui è stato regista. Tutti i gruppi hanno da lui attinto idee ed ars drammatica.

GIORGIO LIPPI
Promuove nel 1977 un gruppo di studio sul teatro di Ruzante e debutta come protagonista ne Il Quadro delle Meraviglie di Prévert. Dopo le prime esperienze collegate al Liceo Classico ed alla Biblioteca Civica di Saronno, affronta il teatro d’avanguardia ne Il Dio Kurt di Moravia, La bambina Piedad di Sainz e ne Il crollo di casa Usher di Poe con la prestigiosa regia di Pier’Alli. Grande è la versatilità teatrale dimostrata: dal  teatro di satira impegnata, al teatro comico classico(San Giovanni Decollato di Martoglio), al teatro per ragazzi. Come Consigliere del Teatro di Saronno ha contribuito a promuovere rassegne di teatro amatoriale di qualità.

MARISA TURCONI
Inizia il suo percorso teatrale molto giovane. La collaborazione con la Compagnia Gruppopalcoscenico, diretta da D. D’Agostino, la vede attrice in Piccola città di Wilder – Antigone di Anouil – Le serve di Genet. Segnalata alla rassegna “Maschere d’oro 1974” quale interprete ne Il Povero Piero di Campanile, riceve nel 1987 il premio come migliore attrice non protagonista ne “L’Adorabile Giulia” di Sauvajon. Tra i classici affrontati: Il malato immaginario, L’avaro di Molière, Gli innamorati di Goldoni. Collabora con il “Progetto Lettura” presso le Scuole Elementari di Saronno e provincia e con il “Progetto Salute” promosso dal Provveditorato agli Studi di Milano. In occasione del concorso di Vimodrone conclusosi nel novembre 2007, riceve il premio come migliore attrice protagonista nel lavoro Cibo di Carla Vistarini.

ANNA GIANNONE
Inizia la sua esperienza come attrice molto giovane interpretando ruoli che passano dal drammatico al comico. Dotata di grande presenza scenica, si è dedicata agli spettacoli per ragazzi con grandi doti da caratterista: da Guglielmo e la moneta d’oro, dove interpretava il ruolo di un giovane ragazzo, fino al ruolo della Civetta nel più recente L’albero delle piume.

FANNO INOLTRE PARTE DELLA COMPAGNIA

ATTORI
Sabina BANFI, Massimo BENEGGI, Carla BERNARDINI, Marco BONACINA, Donatella CATTANEO,  Maria Pia CERIANI, Grazia COMINATO,  Alessandra COMI, Nicola DUMONT, Teresa GALLO, Anna GIANNONE, Silvia  GINO, Giorgio LIPPI, Monica MARIOTTI,  Valentina SALA, , Marisa TURCONI,  Paolo TURCONI, Debora LAZZARIN e Franceska PELLIZZONI, Edoardo BARBERA, Viola LAROVERE.

REGIA SCENOGRAFIA COSTUMI
Vanni Saltarelli

MUSICHE ORIGINALI
Paolo Diotti

DIRETTORE DI SCENA
Graziano Zamagni

AIUTO PALCOSCENICO E REGIA
Giancarlo Barizza

LUCI E SUONI
Alessandro Morando, Francesco Zaffaroni

DIRETTORE DI COMPAGNIA
Tina Gallo Sgarzi